Trasparenza per consiglieri e nominati. Approvata la legge di Sel-Verdi

“Un grande passo in avanti per la promozione della trasparenza amministrativa e per l’esercizio della democrazia partecipativa dei cittadini, un atto che si propone di contrastare la crescente pressione di sfiducia degli elettori nei confronti della politica e che risponde all’esigenza di rigore e di riduzione dei costi della macchina amministrativa.

Accogliamo con grande piacere il consenso trasversale di tutti i Gruppi Assembleari nei confronti di un provvedimento che, in molte parti, è un unicum sul territorio nazionale”.

Questo il commento dei consiglieri regionali di SEL-VERDI Gian Guido Naldi, primo firmatario del progetto di legge regionale “Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati. Disposizioni sulla trasparenza e l’informazione” e Gabriella Meo, relatrice del provvedimento approvato oggi all’unanimità dall’Assemblea Legislativa.
 
Con l’adozione di questo atto, infatti, da oggi in poi tutti i cittadini potranno consultare con il massimo livello di dettaglio, non in forme aggregate o modificate ed in modo tempestivo tutti i dati inerenti la situazione patrimoniale di consiglieri regionali, componenti della Giunta e Presidenti, Vicepresidenti, consiglieri, amministratori delegati e direttori generali di istituti ed enti pubblici, anche economici, di nomina o designazione del Presidente della Giunta, della Giunta o dell’Assemblea Legislativa  (inclusi i loro coniugi o conviventi more uxorio e figli se gli stessi vi consentono).

Sarà pubblica ed accessibile tutta l’attività amministrativa svolta: dai provvedimenti presentati con relativi iter fino alla conclusione, al quadro delle presenze ai lavori ai voti espressi in Aula e in Commissione.
Delle sedute delle Commissioni e dell’Assemblea Legislativa saranno pubblicate le registrazioni audio con archiviazione fruibile e indicizzazione degli interventi per singolo consigliere e per argomento trattato.

Resta aperta, nel testo della proposta di legge, la possibilità di pubblicare anche riprese video delle sedute.
Pubblica sarà l’intera attività degli incarichi esterni della Regione e dovrà risultare chiaramente se chi svolge un incarico per la Regione è in possesso di “eventuali rapporti plurimi con le società controllate o partecipate dalla Regione” ed, eventualmente, per quali importi.
 
Alcune informazioni richieste sono attualmente già presenti sul portale dell’Assemblea Legislativa e su quello della Giunta ma non per legge, per una buona pratica. Con l’approvazione del progetto di legge si ampliano gli strumenti di conoscenza e di accesso alle informazioni e si conferisce loro una struttura solida. 
 

About Bortolini