Referendum Corniglio: “Bassa affluenza rende ora più difficile rivedere l’area contigua del Parco”

“Il referendum indetto dall’amministrazione comunale di Corniglio per ridurre l’estensione dell’area contigua del Parco Regionale delle Valli del Cedra e del Parma si è rivelato un penoso flop a cui hanno partecipato soltanto i parenti e gli amici del Sindaco Dematteis e della Giunta.”

Così la consigliera regionale dei Verdi Gabriella Meo commenta il risultato del referendum consultivo svoltosi a Corniglio e in cui hanno votato soltanto 346 persone su 1.856 aventi diritto.

“A quanto pare – continua Meo – la stragrande maggioranza dei cittadini non ritiene che il Parco rappresenti un importante ostacolo per la loro vita quotidiana e ha deciso di disertare la consultazione. Se Dematteis si aspettava di ricevere un segnale dai risultati del referendum, il segnale è che a più di 1.500 persone la situazione va bene così com’è.”

“L’errore – continua l’esponente ecologista – è stato voler strumentalizzare un tema serio come le modalità di gestione dell’area contigua del Parco per farne argomento di polemica in periodo di campagna elettorale.”

“Oggi, con questo scarsissimo risultato, non serve a niente vantarsi del numero ridicolo di voti favorevoli dati al quesito referendario e diventa oggettivamente più difficile per l’amministrazione comunale chiedere al Parco di rivedere la propria normativa, revisione che, in alcuni casi, avrebbe potuto ragionevolmente essere messa in discussione. Davvero un bel risultato!”

About Bortolini