alle Europee, una lista VERDE

Pubblicato da Luca Saraz Budini il

Comunicato stampa

I Verdi dell’Emilia Romagna soddisfatti per l’elezione di Matteo Badiali a co-portavoce dei Verdi italiani. Ora una lista Verde alle elezioni europee.

I Verdi dell’Emilia Romagna sono soddisfatti per l’elezione di Matteo Badiali a co-portavoce Dei Verdi Italiani; Matteo è stato consigliere comunale a Zola Predosa e candidato sindaco della lista autonoma dei Verdi alle ultime elezioni comunali di Bologna.

Ora, co-portavoce dei Verdi italiani insieme alla milanese Elena Grandi, contribuirà alla costruzione di una lista verde ecologista alle elezioni europee, nel solco dei verdi europei.

La mozione politica cambiamento ecologista, sostenuta dai Verdi dell’Emilia Romagna, che ha vinto il congresso prende atto della fine dell’Ulivo e del centrosinistra e propone la costruzione di una formazione verde autonoma ed aperta che metta insieme la questione ecologica e la questione sociale.

Serve un’Europa molto diversa da quella attuale, un’Europa politica e sociale, un’Europa che affronti i cambiamenti climatici, che propugni l’economia verde e la conversione ecologica dalle energie fossili a quelle rinnovabili.

Serve una lista verde ecologista, chiara nei suoi obiettivi e programmi, quelli dei Verdi europei. Una lista aperta a chi vuole contribuire a costruire una forza politica verde nel nostro Paese.

Non può essere in alcun modo una zattera per naufraghi di vicende più o meno velleitarie o fallimentari di varie sinistre o tantomeno di radicali liberisti.

Il messaggio ed i candidati devono essere chiari ed univoci: verdi ecologisti.

Pena l’inevitabile fallimento anche elettorale.

Per questo e non per altro, continueranno il loro impegno i verdi dell’Emilia Romagna.

Paolo Galletti

co-portavoce Federazione Verdi Emilia Romagna


5 commenti

Giancarlo · 27 Dicembre 2018 alle 2:32 pm

Alle prossime elezioni Europee non facciamo i portatori di acqua a nessuno,dobbiamo Dobbiamo essere chiari con i nostri principi Verdi,ecoligisti ambientalisti OK?

alfredo · 14 Gennaio 2019 alle 8:17 pm

giancarlo, hanno deciso di allearsi con pizzarotti, quindi niente principi verdi e ambientalisti

Roberto Manfredini · 6 Giugno 2019 alle 7:04 am

Vi informavo che sono usciti sul Manifesto del 31 maggio e del 4 giugno un articolo di Monica Frassoni che commentava il risultato elettorale alle elezioni europee e a seguire la riposta di Roberto Della Seta. Sono apparsi tra l’altro diversi commenti e opinioni sui Verdi italiani (quelli di Carlo Calenda molto critici).

Saluti Roberto Manfredini, Verdi Modena.

Roberto Manfredini · 9 Giugno 2019 alle 10:22 am

Il dibattito è proseguito anche giovedì 6 giugno, sempre sul Manifesto con un articolo di Ginevra Bompiani sulla scelta ecologista e una lettera di Roberto Presenti (Verdi Grosseto) che
risponde a Roberto Della Seta.

Saluti, Roberto Manfredini, Verdi Modena.

Roberto Manfredini · 21 Luglio 2019 alle 9:59 am

Sulle motivazioni dei Verdi europei per il voto contrario alla von der Leyen come presidente della Commissione europea si segnala l’articolo di Monica Frassoni sul Manifesto di mercoledì 17 luglio “Più la difesa dello status quo che una rivoluzione”; che riporta anche il discorso di Philippe Lamberts “Troppa distanza tra le parole e le proposte concrete”.
Da segnalare anche le ripercussioni sulla situazione politica in Italia e le prossime scadenze:

Saluti, Roberto Manfredini, Verdi Modena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.