Interrogazione in Regione sul canile di Osteria

Pubblicato da Alessandro Ronchi il

Premesso che:

* la stampa della provincia di Ravenna riporta da giorni le segnalazioni di privati cittadini e di associazioni animaliste relativamente a 250 cani detenuti da un allevamento privato di Osteria in Comune di Ravenna denutriti e in condizioni igieniche precarie;

* tale allevamento sarebbe stato oggetto negli anni di diverse segnalazioni all’autorità  giudiziaria e di numerose ispezioni del Servizio Veterinario dell’Ausl, dei Nas dei Carabinieri, del Corpo Forestale dello Stato;

* come riportato dagli organi di stampa, tale allevamento sarebbe infine stato posto sotto sequestro preventivo in seguito ad un blitz degli agenti del Nucleo investigativo per i reati in danno degli animali del CFS;

* tale allevamento, pur operando da molti anni, avrebbe presentato domanda di autorizzazione ad allevare cani al Comune di Ravenna, ai sensi della L.R. 5/2005 “Norme a tutela del benessere animale”, soltanto nell’agosto scorso;

* a seguito della richiesta citata il Servizio Veterinario dell’Ausl avrebbe espresso parere negativo per la mancanza dei requisiti strutturali e gestionali necessari richiesti dalla Delibera di Giunta regionale n. 394/2006;

SI INTERROGA

La Giunta regionale e l’assessore competente al fine di conoscere:

* per quali motivi, visto che il caso era ben noto da tempo a tutti gli enti pubblici competenti, il Comune di Ravenna non sia intervenuto tempestivamente per sospendere un’attività  evidentemente non autorizzata;

* quali iniziative intenda intraprendere la Regione per garantire il rispetto di quanto stabilito dalla L.R. n. 5/2005 e dalla delibera attuativa.

Daniela Guerra

Categorie: Generale

1 commento

ADRIANA BORTOS · 21 Gennaio 2009 alle 5:10 pm

Mi didpiace che se succede con le allevamento dove sono cani.TUTA LA VITA AM AMATO LE CANI ,GATTO(tute le animali )mi fa piaccere a lavorare per loro.IO SPERO TROVARE LAVORO LA unaCANILE DE LA ITALIA—Tl.3290213030 adriana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.