Schiaccianoci (FE): Ora il ripristino

Pubblicato da segreteria il

Il Sottosegretario alla Presidenza della Regione Alfredo Bertelli ha risposto all’interpellanza della consigliera regionale dei Verdi Gabriella Meo sullo spianamento del terreno e lo sradicamento di alberi e arbusti nell’Area di Riequilibrio Ecologico “Schiaccianoci” a Ferrara.

“Bertelli mi ha confermato – informa la consigliera Meo – che le operazioni di movimento terra poste in essere da un soggetto privato nello scorso mese di marzo hanno interessato una superficie di circa 10 ettari, 5 dei quali all’interno dell’area protetta “Schiaccianoci”, e il privato era in possesso unicamente di un’autorizzazione del Comune rilasciata sulla base del Regolamento del verde.

Sul caso è ancora in corso un’indagine di polizia giudiziaria condotta dal Corpo Forestale dello Stato e la Regione ha chiesto al Comune di Ferrara il 29 marzo una relazione dettagliata sui fatti che il Comune non ha ancora fornito.”

“Sono sicura – continua Meo – che il Corpo Forestale saprà accertare le eventuali irregolarità commesse. E’ evidente che all’interno di un’area protetta regionale, quale è lo Schiaccianoci, nessuno può autorizzare interventi in contrasto con i fini di tutela ambientale dell’area stessa e, una volta accertato il danno ambientale, dovranno essere ripristinati gli ambienti naturali distrutti. A questo scopo Bertelli mi ha assicurato che è stato chiesto all’Amministrazione provinciale di procedere ad una stima dei danni e di predisporre una proposta di recupero dell’area.”

“Speriamo ora – conclude l’esponente ecologista – che il Comune, a cui è stata demandata la gestione dell’Area di Riequilibrio Ecologico, dimostri quella sensibilità che è mancata fino ad oggi garantendo la tutela del sito da ulteriori abusi e il suo utilizzo per fini ricreativi compatibili, in collaborazione con i residenti della zona.”


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.