Il deposito di Gas di Minerbio è Pericoloso

Pubblicato da Alessandro Ronchi il

SCONCERTANTE ABUSO DEL TERRITORIO, URGE SVOLTA

I Verdi si schierano con i cittadini di Minerbio contro il deposito di stoccaggio gas del gruppo Snam nel Comune della bassa bolognese. “Superare le pressioni alle quali il gas e’ naturalmente presente nel sottosuolo puo’ essere rischioso”, sostengono i due portavoce regionali del partito, Paolo Galletti e Silvia Zamboni, candidati a Bologna alle elezioni di domenica.

“Sconcertante come di fronte al cambiamento climatico e alla necessità e urgenza di abbandonare i combustibili fossili come il gas metano- affermano i due esponenti di Europa Verde- si continui a perseguire l’abuso del territorio regionale ai fini di commercializzare questa fonte di energia fossile, pretendendo addirittura di superare le pressioni alle quali il gas era naturalmente presente nel sottosuolo, con il rischio tutt’altro che teorico di innescare terremoti anche a distanza”.

Secondo Zamboni e Galletti, al contrario, “è urgente adottare un modello energetico radicalmente diverso per la nostra regione, i cui cittadini emettono ogni anno l’equivalente di nove tonnellate di anidride carbonica in atmosfera a causa dei crescenti consumi di energia fossile per i trasporti, le abitazioni, le industrie e la generazione elettrica”.

I Verdi propongono la sostituzione delle centrali termoelettriche con impianti solari ed eolici, coibentazione degli edifici e riscaldamento elettrico con pompe di calore.

“Solo in questo modo e’ possibile innescare una positiva spirale di rinnovamento del ciclo produttivo ed economico- concludono Zamboni e Galletti- creando nuova occupazione e un miglioramento delle condizioni ambientali, sanitarie e climatiche dell’Emilia-Romagna

Categorie: Energia

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.