Petizione contro l’apertura anticipata del centro storico di Bologna e avvio di una istruttoria pubblica sulla qualità dell’aria nel capoluogo felsineo

Pubblicato da segreteria il

In questi giorni la Commissaria prefettizia di Bologna Anna Maria Cancellieri ha deciso di restringere i tempi di tutela della zona a traffico limitato (ZTL) del capoluogo emiliano romagnolo, decidendo unilateralmente lo spegnimento di SIRIO (il sistema di telecontrollo) alle 18 anzichè alle 20.

Come Verdi di Bologna abbiamo deciso di iniziare una raccolta firme contro questo provvedimento e abbiamo deciso di appoggiarci al sito regionale perchè pensiamo che sia importante raccogliere adesioni da Bologna, ma anche da altre città per evitare che questa malsana idea possa superare i confini della nostra sempre più irrespirabile città.

Il testo della petizione è molto semplice:

‘No all’apertura anticipata della zona a traffico limitato (ZTL) nel centro di Bologna, chiediamo invece una istruttoria pubblica sul problema dell’inquinamento dell’aria visti i continui e numerosi sforamenti relativi ai livelli di polveri sottili ed ozono’.

Federazione dei Verdi di Bologna

Per aderire basta lasciare il proprio nome, cognome e città nei commenti – il link dei commenti lo trovate sotto al titolo di questo post.

Aggiorneremo noi la lista man mano che arriveranno le adesioni!

Hanno aderito sino ad ora:

1) Filippo Bortolini – Presidente Verdi Bologna

2) Pietro Tagliati- Bologna

3) Paola Bianco – Bologna

4) Barbara Rinaldi – Bologna

5) Matteo Bortolini – Bologna

6) Alessandra Meldosi

7) Claudio Flamini

8 ) Rossana Presti

9) Antonio Tallone

10) Roberta Galli

11) Chiara Fornasari

12) Claudia T. – Bologna

13) Stefano Meneghini

14) Antonella Selva

15) Andrea Cavalletti

16) Barbara Chitussi

17) Marcello Rossi

18) Daniele Dalmonte

19) Antoni Faggioli

20) Silvia Vecchi

21) Paola Zaniboni

22) Fulvio – Bologna

23) Paolo Fontana – Formiggine (Mo)

24) Massimo De Gennaro

25) Massimo Giordano – Bologna

26) Giulio Manenti

27) Annibale D’Ercole

28) Elena Medda

29) Dario Catanese

30) Francesco Cavallieri – Bologna

31) Eliana Sabbioni

32) Alessandro Muzzati

33) Irene Capelli – Bologna

34) Miriam Tagliati – Bologna

35) Mattia Bambi

36) Vincenzo Corvaglia

37) Alessandra Longhi

38) Simona – Bologna

39) Maddalena Pelà

40) Paola Pedrazzi – Bologna

41) Elio Antonucci

42) Alessandro – Bologna

43) Maria Teresita Rosati

44) Gabriella Cappelletti

45) Federica Prandini

46) Catia Fabbri

47) Gabriele Cova

48) Gabriele – Bologna

49) Luisa Leoni

50) Monica Idà

51) Giorgio Pirazzoli

52) Paola Monti

53) Paolo Cagnoli

54) Alessandro Conte

55) Simona Bruni – Esecutivo Verdi Bologna

56) Matteo Badiali – Presidente Verdi Provincia di Bologna

57) Vittorio Marletto

58) Stefania Piccinelli

59) Ludovica Marsciani – Bologna

60) Gian Guido Naldi – Consigliere Reg.Emilia-Romagna – Sinistra Ecologia e Libertà

61) Gabriella Meo – Consigliera Reg.Emilia-Romagna – Verdi

62) Serena Esposito

63) Giulietta Luul Balestra – Bologna

64) Massimo Montanari – Bologna

65) Ajana Galicic

66) Arianna Bianchi – Bologna

67) Alessandro Masi – Esecutivo Verdi Bologna

68) Arrigo Bortolini – Bologna

69) Anna Merighi – Bologna

70) Luigi Russi

71) Carlo Bottos – Esecutivo Verdi Bologna

72) Massimo Zucchini

73) Ignazio Leandro Melodia

74) Benedetta Bergamaschi – Bologna

75) Mattia Ribani

76) Fabiana Ferioli – Assessore Lavori Pubblici-Ambiente Sant’Agata Bolognese

77) Rosaria Olivieri

78) Maria Renzi

79) Francesco Marsciani

80) Leonardo Fiorentini – Consigliere Verdi Circoscrizione 1 – Ferrara

81) Marina Barbato

82) Ilaria Bellelli

83) Cesare Sgarzi

84) Claudio Dellucca – per Legambiente – Bologna

85) Sabrina Migani

86) Filippo Piredda – Bologna

87) Vittorio Marletto – Esecutivo Verdi Bologna

88) Stefano Serse

89) Riccardo Orsi

90) Anna BF

91) Mauro Chiodarelli

92) Claudia Zacchi

93) Lorenzo Terzoli Bergamaschi

94) Laura Gramuglia -Bologna

95) Stefania Pollastri

96) Stefano Senin

97) Lorenzo Vianelli

98) Simona Di Giacomo

99) Claudia Marzocchi

100) Michele Masa

101) Arianna Anselmi – Bologna

102) Massimo Calzati

103) Bianca Maria Nidi

104) Mauro Tagliani

105) Cristian Volpi – Bologna

106) Grazia Degli Esposti

107) Maddalena Roversi – Bologna

108) Roberta Rendina

109) Kurt Vonmetz

110) Stella Lipparini

111) Alessandro Fabianelli – Bologna

112) Lisa Randazzo – Bologna

113) Eleonora Apponi – Bologna

114) Laura Ronzani

115) Rossella Giordano  – Segretaria Provinciale PRC a nome della  federazione provinciale

116) Domemico Papaleo – Segreteria Provinciale ‘Sinista Ecologia Libertà’ – Bologna

117) Guido Marsciani

118) Andrea Cocchi

119) Arrigo Cuttin

120) Francesca Bacchetta

121) Federazione Comunale di Bologna di ‘Sinistra Ecologia Libertà’

122) Tullio Maccarrone

123) Juri Guidi – Tesoriere Prc Bologna

124) Alessandro Maci

125) Elisabetta Castagnoli

126) Pier Paolo Lanzarini

127) Alessia Coraddu – Bologna

128) Fernando Blasioli

129 Elisabetta D.E.

130) Francesca Cigardi

131) Francesca Ventura

132) Gabriele Tosi

133) Claudio Buttazzo

134) Fabrizio Guerra

135) Silvana Vialli

136) Cristiana Costantini

137) Francesca Longo

138) Mirko Marzaduri

139) Akmè Aps  (da FaceBook)

140) Bertholus Tsague (da FaceBook)

141) Mattia Gagliano (da FaceBook)

142) Marina Baraldi (da FaceBook)

143) Carlo Branzaglia (da FaceBook)

144) Lorella Malpassi (da FaceBook)

145) Mary Jane Santoianni (da FaceBook)

146) Fiorenza Malizia (da FaceBook)

147) Francesco Fini (da FaceBook)

148) Angelo Candini (da FaceBook)

149) Antonio Cicchella (da FaceBook)

150) Mirella Giordani (da FaceBook)

151) Riccardo Galvani (da FaceBook)

152) Claudio Claroni (da FaceBook)

153) Alessia Coraddu (da FaceBook)

154) Simona Pasini (da FaceBook)

155) Stefano Carati (da FaceBook)

156) Leonina Grossi (da FaceBook)

157) Andrea Guermandi (da FaceBook)

158) Otello Ciavatti (da FaceBook)

159) Giovanni Salis (da FaceBook)

160) Nicola Barilli (da FaceBook)

161) Luciano Gervasio (da FaceBook)

162) Arianna Fabbri (da FaceBook)

163) Tersilla Rani Cacchi (da FaceBook)

164) Cristina Schiavone (da FaceBook)

165) Emilio Pisano  (da FaceBook)

166) Irene Carletti (da FaceBook)

167) Nicola Bertani (da FaceBook)

168) Dario Catanese (da FaceBook)

169) Serena Sensi (da FaceBook)

170) Eva Lorenzoni (da FaceBook)

171) Daniele Salerno (da FaceBook)

172) AJ Marchi (da FaceBook)

173) Anita Fucili (da FaceBook)

174) Enrico Beghelli (da FaceBook)

175) Talco Marco (da FaceBook)

176) Andrea Moretti (da FaceBook)

177) Elio Tedeschi (da FaceBook)

178) Maria grazia Galli (da FaceBook)

179) Anna Miserocchi (da FaceBook)

180) Sabina Urbinati (da FaceBook)

181) Paolo Perini (da FaceBook)

182) Andrea Roversi (da FaceBook)

183) Giuseppe M.Costantini (da FaceBook)

184) Francesca Raviola (da FaceBook)

185) Paolina Pi (da FaceBook)

186) Annalisa Gabriele (da FaceBook)

187) Antonella Mazzola (da FaceBook)

188) Anna Draghetti (da FaceBook)

189) Gioacchino Pedrazzoli (da FaceBook)

190) Gianna Bigliardi (da FaceBook)

191) Antonella Gianfelice (da FaceBook)

192) Ermanno Tarozzi (da FaceBook)

193) Giulia Ferrari (da FaceBook)

194) Giada Copertini (da FaceBook)

195) Simona Larghetti (da FaceBook)

196) Alessandro Gabriele (da FaceBook)

197) martina Di Patrizi (da FaceBook)

198) Veronica Lolli (da FaceBook)

199) Faustino Pierantoni (da FaceBook)

200) Noemi Bermani (da FaceBook)

201) Nick Abruzzese (da FaceBook)

202) Luciano Bagni (da FaceBook)

203) Lucia Gualducci (da FaceBook)

204) Mirco Marzaduri (da FaceBook)

205) Caterina Guerra (da FaceBook)

206) L’altra Babele Studenti  (da FaceBook)

207) Mara Tagliavini (da FaceBook)

208) Fabio Bonifacci (da FaceBook)

209) Enrico Troiano (da FaceBook)

210) Roberta Fantazzi (da FaceBook)

211) Alberto Scarinci (da FaceBook)

212) Donatella Sposito (da FaceBook)

213) Alberto Cacciari (da FaceBook)

214) Tiziana Magli (da FaceBook)

215) Imma Castello (da FaceBook)

216) Marina Arias (da FaceBook)

217) Gian Giacomo Predieri (da FaceBook)

218) Mariolina Zangari (da FaceBook)

219) Lucia Gasperoni (da FaceBook)

220) Gabriella Orlando (da FaceBook)

221) Stefano Catelani (da FaceBook)

222) Lucio Tamburini (da FaceBook)

223) Antonio Scirocco (da FaceBook)

224) Francesca Gamberini (da FaceBook)

225) Anna Frascari – Università di Bologna (da FaceBook)

226) Mario Rossi (da FaceBook)

227) Mariarosa Pancaldi (da FaceBook)

228) Alessandro Caiulo (da FaceBook)

229) Graziella Boschi (da FaceBook)

230) Giuly Giuliana  (da FaceBook)

231) Sara Marziliani (da FaceBook)

232) Fabio Alvisi (da FaceBook)

233) Gabriele P.

234)  Flavio Giorgis – biblioteca universitaria di bologna

235) Rita Tagliati

236) Giulia Pederzini

237) Silvia Cavazzoli


144 commenti

chiara fornasari · 24 Giugno 2010 alle 8:29 pm

concordo con la petizione

Claudia T. · 24 Giugno 2010 alle 8:34 pm

Firmo la petizione

Stefano Meneghini · 24 Giugno 2010 alle 8:35 pm

Firmo la petizione

antonella selva · 24 Giugno 2010 alle 10:15 pm

aderisco alla petizione contro la riduzione di orario di SIRIO a bologna

Andrea Cavalletti · 24 Giugno 2010 alle 10:24 pm

Firmo la petizione

barbara chitussi · 24 Giugno 2010 alle 10:26 pm

firmo la petizione!

Marcello Rossi · 25 Giugno 2010 alle 7:49 am

anche la sig.ra Cancellieri in perfetto stile di efficienza; ne ho abbastanza: RITORNIAMO ALLA DEMOCRAZIA

Daniele Dalmonte · 25 Giugno 2010 alle 8:20 am

Aderisco alla petizione

Antonio Faggioli · 25 Giugno 2010 alle 9:02 am

Sottoscrivo l’appello e preciso quanto segue.
L’INCONSISTENZA DEI MOTIVI PORTATI PER SPEGNERE SIRIO ALLE 18

Amministratori e tecnici comunali sono all’affannosa ricerca di motivazioni da propinare all’opinione pubblica per giustificare la riduzione dell’orario di attività di SIRIO. A parte quella opinabile e tutta da dimostrare di contribuire a ridurre i problemi dell’economia cittadina, tre sarebbero le motivazioni riportate dagli organi di informazione: 1) la qualità dell’aria a Bologna è migliorata rispetto al 2006; 2) il problema principale non è l’inquinamento che non aumenterà, ma quello dei parcheggi; 3) il provvedimento è sperimentale.
Per quanto riguarda la prima, è vero che la qualità dell’aria è migliorata, ma possibile che ciò sia dovuto esclusivamente alle condizioni meteo, senza alcun contributo delle restrizioni in corso? Quando si raggiungono risultati positivi, le successive azioni debbono essere doverosamente rivolte a mantenerli, non al rischio di vanificarle. Assistiamo invece a una decisione che potrebbe portare, soprattutto se il provvedimento si protrarrà oltre settembre, al ritorno della situazione del 2006 se non peggio. In altri termini, il miglioramento della qualità dell’aria è la valida motivazione per conservare le restrizioni del traffico, non per ridurle.
La seconda motivazione sostiene che non ci saranno problemi per la qualità dell’aria e che il vero problema sarà quello dei parcheggi: come se si trattasse di variabili indipendenti e non interagenti tra loro. La difficoltà di parcheggio, a seguito dell’aumento dei veicoli in ingresso al centro storico, produrrà lenti caroselli di auto alla ricerca spesso inutile del posto e ciò aumenterà le emissioni. Senza considerare gli ostacoli alla circolazione dei mezzi pubblici e a quella “fluidità” del traffico spesso invocata per ridurre le emissioni autoveicolari.
Infine la terza motivazione: il provvedimento è transitorio e “sperimentale”. Ogni corretta sperimentazione presuppone la verifica degli effetti, postivi o negativi che siano. Sembra di capire che gli unici effetti cui si pone attenzione siano quelli sul commercio, senza pensare a verificare quelli sulla qualità dell’aria. E allora una modesta e ovvia proposta, qualora i tecnici comunali non l’abbiano inspiegabilmente già prevista: posizionare nel centro storico, il mezzo mobile dell’ARPA per la rilevazione delle polveri, non solo le PM10 ma almeno anche le 2,5. La installazione del mezzo rilevatore deve avvenire immediatamente, per poter verificare la situazione prima dell’1 Luglio e confrontarla con quella del trimestre luglio-agosto-settembre. Un monitoraggio che deve essere trasparente, con risultati da portare a conoscenza dei cittadini al fine di promuoverne la partecipazione alle decisioni istituzionali.

Antonio Faggioli

25 Giugno 2010.

Silvia Vecchi - Bologna · 25 Giugno 2010 alle 10:27 am

FIRMO LA PETIZIONE!
LE PIU’ BELLE PIAZZE E STRADE CENTRALI DEL NORD EUROPA SONO TUTTE PEDONABILI E ANIMATISSIME!
Silvia Vecchi

Paola Zaniboni · 25 Giugno 2010 alle 10:48 am

l’idea di aprire Sirio alle 18 mi fa orrore! firmo sicuramente la petizione e vorrei il centro storico chiuso…. anche ai motorini

Fulvio - Bologna · 25 Giugno 2010 alle 10:51 am

@Silvia: verissimo!!!! Peccato che:
– le più belle piazze e strade centrali del nord europa siano raggiungibili con metropolitane efficienti e non con i TIR dell’ATC o con mezzi demenziali come il Civis;
-nelle città del Nord Europa siano presenti numerosi parcheggi interrati o silos;
– a Bologna i soldi vengano investiti in iniziative tipo il People Mover che va a sostituire un autobus sempre vuoto o in un “affare” superato ed inutile come il “Civis”.

andrea scarlato · 25 Giugno 2010 alle 10:57 am

aderisco alla petizione

Luigi Biagiotti - Bologna · 25 Giugno 2010 alle 11:01 am

Firmo la petizione

Silvia Vecchi - Bologna · 25 Giugno 2010 alle 11:02 am

X Fulvio: hai perfettamente ragione, il problema è alla radice!
Ma non si può nemmeno tornare indietro!!!!

Fulvio - Bologna · 25 Giugno 2010 alle 11:43 am

@Silvia: Guarda io invece tornerei indietro poi voglio vedere cosa succede quando Bologna diventa veramente invivibile cosa fanno i bolognesi. Non è accettabile che una città come Bologna sia così mal governata. Ci hanno spacciato Sirio come un rimedio per l’aria mentre è solo un meccanismo per fare multe. Il divieto di entrare in centro c’è sia che esista Sirio sia che non esista. I nostri vigili urbani cosa fanno???? Dove sono???? Solo a fare multe per divieto di sosta??? In realtà, se vuoi la mia personale opinione, siamo visti solo come mucche da mungere e questo sia da dx che sx.
Non c’è nessun progetto a meno che non consideriamo come progetti investimenti in opere inutili che però hanno come scopo solo quello di far lavorare alcune aziende ben note (basta guardare chi sta realizzando il “Civis” e chi farà il People Mover).

Paolo Fontana · 25 Giugno 2010 alle 1:31 pm

Anche dalla Provincia di Modena un’adesione convinta a questa petizione contro i tentativi di riaprire spazi liberati dal traffico.
Paolo (Formigine)

De Gennaro Massimo · 25 Giugno 2010 alle 1:34 pm

Aderisco alla raccolta di firme. grazie

Massimo Giordano - Bologna · 25 Giugno 2010 alle 1:38 pm

Aderisco e sottoscrivo con la più lucida incazzatura che mi è possibile!!!

De Gennaro Massimo · 25 Giugno 2010 alle 1:47 pm

il Centro è già al collasso. Troppe macchine entrano in una zona di interesse storico, ove le strade sono rimaste strette, ovvero costrutite secoli orsono. Anche i bus dovrebbero essere più piccoli, poichè distruggono le strade stesse. Invece di brontolare contro bici e moto, la gente dovrebbe abituarsi a questi mezzi: non è più possibile arrivare, soli, con quegli enormi SUV o simili, e fare la spesa indisturbati da Scaramagli in Strada Maggiore (parcheggiando ovviamente in seconda fila!!!). Altrettanto non trovo giusto il falso problema per cui i commercianti siano penalizzati: potremmo chiedere ai negozianti di via D’Azeglio (pedonale), se volessero la riapertura alle macchine!! E’ solo un esempio, certo, ma rende l’idea di quanto sarebbe necessarioe urgente cambiare metodo: non tornando indietro, però, come sarebbe questa folle idea di Sirio chiuso alle 18!! grazie massimo

Giulio Manenti · 25 Giugno 2010 alle 2:16 pm

Osservo che, se i dati forniti dall’Ausl di Bologna in materia di malattie respiratorie sono veri, occorre chiedere all’Autorità di adottare ogni misura atta a fronteggiare il gravissimo problema ed agli organi di info di evidenziare, in prima pagina, gli stessi dati: molti potrebbero decidere di cambiare qualche abitudine nociva per l’ambiente in cui viviamo. Distinti saluti.

Annibale D'Ercole · 25 Giugno 2010 alle 3:04 pm

Aderisco alla petizione

Elena Medda · 25 Giugno 2010 alle 3:27 pm

Il Commissario farebbe bene a fare una passeggiata in via S. Isaia durante le ore di punta. E’ un consiglio, non una polemica.

Dario Catanese, Bologna · 25 Giugno 2010 alle 5:09 pm

Aderisco alla petizione

Francesco Cavalieri · 25 Giugno 2010 alle 5:16 pm

Firmo la corrente petizione pro Sirio. Auspico un aumento di controllo e sanzione per accessi motorizzati e le altre fonti di inquinamento come caldaie a gasolio, uso di riscaldamento a combustibili fossili nei dehors, circolazione di veicoli commerciali o professionali fuori normativa europea, etc.

Eliana Sabbioni · 25 Giugno 2010 alle 5:40 pm

Aderisco volentieri alla petizione!
Più biciclette passeggiate per il centro e meno auto!!

alessandro muzzatti · 25 Giugno 2010 alle 5:44 pm

Aderisco alla petizione

Miriam Tagliati · 25 Giugno 2010 alle 6:27 pm

Abito in centro e preferisco i piedi e la bici per muovermi. Non sono molto informata su quanto avviene nel palazzo, ma ho visto quanto è migliorata la viabilità e la vita da quando è stato acceso Sirio.

Mattia Bambi · 25 Giugno 2010 alle 10:06 pm

Basta auto!! aderisco con forza alla petizione.

Vincenzo Corvaglia · 26 Giugno 2010 alle 10:30 am

Aderisco all’inizativa promossa dai Verdi contro la riduzione dell’orario di utilizzo di Sirio e propongo che venga ripristinato Siro anche nei giorni di sabato, aspettando che diventi opertativo 24 ore su 24 o, almento fino alle ore 22.

Vincenzo Corvaglia
Bologna

Alessandra Longhi · 26 Giugno 2010 alle 2:26 pm

aderisco alla petizione, è una vergogna che un manipolo di commercianti ottenga tutto quello che vuole sempre!!!! e noi residenti?? Facciamoci sentire

Simona · 26 Giugno 2010 alle 2:51 pm

Aderisco alla petizione, L’ INQUINAMENTO ACUSTICO dei mezzi e dei motori è INSOPPORTABILE, nessuno se ne occupa in maniera concreta
la città è in mano alle auto e ai motorini
Saluti

Maddalena Pelà · 26 Giugno 2010 alle 2:55 pm

Ha ragione Alessandra Longhi e Simona! FACCIAMOCI SENTIRE NOI RESIDENTI!
I COMMERCIANTI SI LAMENTANO SEMPRE E SONO I PADRONI DELLA CITTA’

Paola · 26 Giugno 2010 alle 3:11 pm

Paola Pedrazzi – Bologna

elio antonucci · 26 Giugno 2010 alle 3:53 pm

firmo la petizione

ALESSANDRO bologna · 26 Giugno 2010 alle 3:56 pm

aderisco volentieri alla petizione

Maria Teresita Rosati · 26 Giugno 2010 alle 4:11 pm

Non solo le risibili piste ciclabili, ma anche un aumento dissennato dei livelli di inquinamento in barba anche alle possibili ulteriori sanzioni europee!!! E’ disastroso, anche e soprattutto per il pensiero che sottende questa scelta, che di tutto si preoccupa tranne che del benessere e della salute delle persone…

gabriella Cappelletti · 26 Giugno 2010 alle 4:44 pm

Sono senza parole: chi e come si verificheranno gli effetti di questo provvedimento improvvido sulla qualità dell’aria? Aderisco alla petizione.

federica prandini · 26 Giugno 2010 alle 6:55 pm

Condivido tutto quello che ha scritto Antonio Faggioni e anche io credo che a Bologna farebbe bene avere molte più zone pedonali come in molte città europee, è ormai provato che il centro rifiorisce: A Bologna mancano le metropolitane e comunque il modo di arrivare al centro a piedi con facilità. Vorrei partecipare e sottoscrivere la petizione ma non ho capito come e dove :-)

catia fabbri · 27 Giugno 2010 alle 6:36 am

aderisco alla petizione

Gabriele Cova · 27 Giugno 2010 alle 10:02 am

Chiunque abbia avuto modo di visitare altri paesi europei (Austria, Francia, Germania, ad esempio) ha visto che i centri storici delle grandi città sono pedonalizzati, più vivibili dei nostri, pieni di negozi e di gente. Solo in Italia e, purtroppo, ora anche a Bologna si torna indietro anzichè andare avanti. Sirio va manuenuto attivo e la sua copertura va allargata (sino alle 21 e anche di sabato) anzichè diminuita.

Gabriele Cova- Bologna

Gabriele · 27 Giugno 2010 alle 10:40 am

Ma perché i commercianti non hanno ancora capito che la gente in auto NON può fermarsi a fare compere mentre quella a piedi SI?
Perché non hanno capito che la pedonalizzazione PAGA (vedi via D’Azeglio)
La gente in auto è incazzata mentre quella a piedi rilassata…e spende….
Visto che è l’unica cosa che interessa i commercianti!

Luisa Leoni · 27 Giugno 2010 alle 12:07 pm

Bisogna aumentare le ore di attività di Sirio e tenerlo acceso anche di sabato. La salute di tutti è più importante del guadagno di alcuni, commissario Cancellieri: non ci ha mai pensato? Strano, perchè questa è democrazia.

Monica Idà · 27 Giugno 2010 alle 2:54 pm

La qualità dell’aria che si respira a Bologna e specialmente in certe aree del centro storico è pessima; nell’edificio in cui lavoro, situato nelle vicinanze di Porta S.Donato, si deposita ovunque una polvere nera che fa paura se si pensa che la stiamo anche respirando. Bisogna assolutamente cercare di migliorare la situazione. Aderisco all’inizativa promossa dai Verdi contro la riduzione dell’orario di utilizzo di Sirio e propongo anzi di tenerlo acceso di più. Sarà solamente più piacevole passeggiare per le vie del centro, e non credo che sarà una perdita per il commercio cittadino ma una crescita.

Monica Idà · 27 Giugno 2010 alle 2:54 pm

La qualità dell’aria che si respira a Bologna e specialmente in certe aree del centro storico è pessima; nell’edificio in cui lavoro, situato nelle vicinanze di Porta S.Donato, si deposita ovunque una polvere nera che fa paura se si pensa che la stiamo anche respirando. Bisogna assolutamente cercare di migliorare la situazione. Aderisco all’inizativa promossa dai Verdi contro la riduzione dell’orario di utilizzo di Sirio e propongo anzi di tenerlo acceso di più. Sarà solamente più piacevole passeggiare per le vie del centro, e non credo che sarà una perdita per il commercio cittadino ma una crescita.

Giorgio Pirazzoli · 27 Giugno 2010 alle 4:24 pm

Bologna

Paola Monti · 27 Giugno 2010 alle 5:58 pm

Aderisco alla raccolta di firme. grazie

gabriella Cappelletti · 27 Giugno 2010 alle 7:47 pm

aderisco alla petizione

Paolo Cagnoli · 28 Giugno 2010 alle 2:23 am

Sottoscrivo la petizione. Paolo Cagnoli

Alessandro Conte · 28 Giugno 2010 alle 7:47 am

Basta con la logica che vede maggior traffico in città=maggior guadagno per i negozianti, migliore sicurezza per i cittadini, miglior qualità della vita! Perfavore agli Amministratori di Bologna chiedo: se NON avete idee, allora SEMPLICEMENTE COPIATE da alcune città europee in cui la chiusura dei centri storici FUNZIONA REALMENTE!! Proposta: Sirio Acceso con panchine, fioriere e iniziative varie (feste di strada, mercatini, luoghi per incontri e socializzazione per le strade da pedonalizzare, lasciando altre strade SOLO per le bici e poco altro SOLO per le auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.