Sit-in animalista in Regione (BO) per dire no alle gabbie per i cani

Pubblicato da segreteria il

LETTERA APERTA  al presidente della Giunta  regionale Vasco Errani

Vasco Errani,
prova ad immaginare come si sta imprigionati in uno spazio che non consente neppure di compiere
alcuni passi in linea retta, in uno spazio che non consente relazioni e contatti, in uno spazio privo di
ripari adeguati, con sbarre e catenacci che impediscono di uscire e punizioni se si tenta di scappare “¦
Una condanna senza aver commesso nulla di male “¦
Se pensi che non staresti bene, non emanare la delibera con le regole per la custodia dei cani
licenziate dalla IV Commissione consiliare: le dimensioni proposte sono addirittura più piccole di
quelle prescritte dalla legge nazionale di recente approvazione sugli stabulari di vivisezione !
(Decreto Legislativo n. 26/2014)
Come hanno dichiarato il prof. Carlo Consiglio e oltre cento esperti comportamentalisti la condizione
di maltrattamento in cui verrebbero a trovarsi i cani provocherebbe danni psico-fisici gravi e irreparabili
tali da comportare maltrattamento di animali.
Chiediamo una scelta seria, responsabile ed evoluta da parte della Giunta:
sospendere l’approvazione del regolamento e procedere alla consultazione delle Associazioni
Animaliste, dei Comitati Provinciali e degli esperti in etologia del cane.

LE ASSOCIAZIONI

ï‚· Animal Liberation
ï‚· OIPA
ï‚· Cruelty Free
ï‚· Lega per l’Abolizione della Caccia
ï‚· LAV
ï‚· ANPANA
ï‚· Bologna Zoofila
ï‚· Tutela Animali 1871
ï‚· Lega Nazionale per la Difesa del Cane
ï‚· LIDA
ï‚· Bologna Animale
ï‚· Animal Rights
ï‚· Qua la zampa
ï‚· Essere Animali
ï‚· Arca di Noè
ï‚· Freccia 45
ï‚· ZampaLibera
ï‚· Amici del cane
ï‚· Asilo del cane
ï‚· Gatti nel cuore
ï‚· LEAL
ï‚· Legambiente Piacenza
ï‚· WWF Sezione Regionale
ï‚· Micio Bau
ï‚· Micioamico
ï‚· Senza Catene

Un cane non può stare peggio a casa  che negli stabulari della vivisezione !

Bologna, 16 giugno 2014

Categorie: Animali

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.